La mia tesi

Dopo mesi di lavoro finalmente l’ ho conclusa! Vorrei condividere con voi la mia tesi di laurea intitolata “L’ interpretariato telefonico,  nuova frontiera dei servizi di assistenza linguistica”

French-Contact-center-telephone-interpreting.jpg

Tesi di laurea: “L’ interpretariato telefonico, nuova frontiera dei servizi di assistenza linguistica” (ITA, ENGL, TED)

Video tesi (ITA)

Video tesi (engl)

 

The Orange Garden in Rome, an amazing green terrace from which to admire an extraordinary view of Rome

by Google

Summer has finally come and temperature are increasingly rising day by day, so what about spending a few hours in the shade of secular trees on a sunny day? In Rome there are many huge and historic gardens, where you can go. Villa Doria Pamphilj, Villa Borghese are the most famous, but in my opinion there is another green area that worths mentioning, “Giardino degli Aranci/Parco Savelli ( the Orange Garden). I love this secluded, atmospheric and peaceful garden.
It is on top of one of Rome’s most idyllic hills, the Aventine, you will find the Orange Garden, where many people come to relax and watch the sunset over the city. At night the garden turns into a very romantic and intimate place.
The view is quite breathtaking and you can make out astounding detail since the Tiber, the ancient palazzi of Trastevere, and even St. Peter’s Basilica seem so close.
In the fourteenth century, the Savelli Family built its castle on the Aventine Hill, thereby making its fortress impregnable. The thick medieval walls today encircle the Savello Park also referred to as the Garden of Oranges since orange trees were planted in homage to St. Domenic who founded his monastery here.
On the Aventine Hill you cannot miss The Basilica of Santa Sabina which is the oldest extant Roman basilica in Rome that preserves its original colonnaded rectangular plan and architectural style and The Basilica dei Santi Bonifacio e(d) Alessio, both next to the Orange Garden.
Just down the street (about 20m from the end, on your right) from The Orange Garden you’ll find a small key hole in a large green door.It offers a delightful view through a grove of trees to the dome of St. Peter’s Basilica – one of the hundreds of secrets you can discover while in Rome.
I really like this part of Rome, often ignored by tourists who try to do their best to see as much as possible. Rome has so many important monuments and places, but I think that a few hours on the Aventine Hill give the possibility to see a different face of Rome.

“Yesterday” by Paul Mccartney turns 50!

The Beatles’ “Yesterday” was one of the earliest signs of their rapid growth and maturity, and has since become one of their most beloved and songs. The ballad written by Paul McCartney, was recorded on June 14, 1965 and issued for their U.K. album Help!. “Yesterday” is a melancholy ballad about the break-up of a relationship.What makes this song special is that McCartney’s vocal and acoustic guitar together with a string quartet essentially made for the first solo performance of the band.

The story of the writing of “Yesterday” is, by now, almost as famous as the actual song. According to biographers of McCartney and the Beatles, McCartney composed the entire melody in a dream one night.Upon waking, he hurried to a piano and played the tune to avoid forgetting it, but he wondered where he had heard it before. “It was like a jazz melody,” he said in Anthology. “My dad used to know a lot of old jazz tunes. I thought maybe I’d just remembered it from the past.” McCartney played it for friends, to see if they knew the source. Once he realized it was his own creation, he began writing lyrics to suit it. Unable to figure out anything, he used the lines “Scrambled eggs / Oh, my baby, how I love your legs” to figure out the meter. Realizing it should be a one-word title, McCartney eventually came up with “Yesterday.” When McCartney presented it to the other Beatles, the other three members quickly discovered there was no place for them to contribute. Producer George Martin suggested adding strings, but McCartney originally balked. “Paul said, ‘I don’t want Mantovani,’ Martin revealed in Anthology. “I said, ‘What about a very small number of string players, a quartet?’McCartney originally claimed he had written “Yesterday” during the Beatles’ tour of France in 1964; however, the song was not released until the summer of 1965. Although McCartney has never elaborated on his claims, a delay may have been due to a disagreement between McCartney and George Martin regarding the song’s arrangement, or the opinion of the other Beatles who felt it did not suit their image. McCartney said the breakthrough with the lyrics came during a trip to Portugal in May 1965: “I remember mulling over the tune ‘Yesterday’, and suddenly getting these little one-word openings to the verse. I started to develop the idea …”

Recording the song, however, was far easier than writing it. McCartney did it in one take with a quartet, his acoustic guitar, with the strings being overdubbed — also in one take — while the singer redid his vocal. Even though McCartney is the only Beatle on it, there was never any serious talk about it being credited to him alone. In fact, it wasn’t released as a single in the U.K. “We were a little embarrassed about it; we were a rock ‘n’ roll band,” McCartney added.

The song that once “embarrassed” the group has since been recorded by more than 3,000 other artists. “Yesterday” is one of the most recorded songs in the history of popular music; its entry in Guinness World Records states that, by January 1986, 1,600 cover versions had been made.The song has received its fair share of acclaim in recent times as well, ranking 13th on Rolling Stone’s 2004 list “The 500 Greatest Songs of All Time” and fourth on the magazine’s list “The Beatles 100 Greatest Songs” (compiled in 2010). The song was inducted into the Grammy Hall of Fame in 1997. Although the song was nominated for Song of the Year at the 1966 Grammy Awards. “Yesterday”, however, has also been criticised for being mundane and mawkish; Bob Dylan had a marked dislike for the song. Ironically, Dylan recorded his own version of “Yesterday” four years later, but it was never released. ”

Il palazzo che suona con la pioggia

Discovery Dresden!

A Dresda, nel quartiere universitario, è stato costruito questo complesso sistema di tubi e grondaie che crea fantastiche melodie con lo scorrere dell’acqua piovana.

Nel quartiere di Neustadt, e più precisamente nel Kunsthofpassage, i tre artisti Annette Paul, Cristopher Rossner e Andre Tempel, hanno voluto fare questo esperimento. Oggi l’edificio viene denominato il “Palazzo musicale”.

Questo palazzo colorato è caratterizzato da un sistema di grondaie e di tubi che, attraversati dall’acqua piovana, si trasformano in veri e propri strumenti musicali, creando oltretutto una bellissima ed incredibile sinfonia! Lo scopo principale della costruzione di questo palazzo è lo smaltimento dell’acqua piovana. E’ oggi una della attrattive più visitate della città, per la sua particolarità e per la sua genialità. Anche la decorazione dimostra chiaramente l’intervento di designer dal gusto raffinato. Il colore predominante è il celeste, pensato per richiamare l’acqua che è la vera protagonista il motore di questo palazzo.

View original post

Stay hungry, stay foolish! Quando le parole dei grandi sono di ispirazione per i giovani

La laurea (magistrale) rappresenta un momento cruciale nella vita di uno studente. E’ il traguardo a cui si aspira e su cui si fantastica per anni, anni duri passati sui libri a studiare, di sveglie presto al mattino e nottate a ripassare, di ansia pre-esame ma allo stesso tempo di soddisfazioni, divertimenti, nuove amicizie. Momenti che non si potranno dimenticare e a cui in futuro ripenseremo con molto nostalgia .
Il giorno della laurea è inevitabile, anche la persona dai nervi più saldi sentirà un brivido. Il brivido di chi pensa: e ora? Un misto di timore e curiosità, tipico di chi chiude una porta e non sa quale altra aprire.
In queste situazioni, le parole di una persona che sia un esempio positivo per quello che è riuscita a ottenere, per le difficoltà superate sono un’ importante fonte di ispirazione per tutti i giovani laureati.
In America è una tradizione di lunga data quella del Commencement Speech, discorso tenuto da personalità di rilievo in occasione della consegna dei diplomi di laurea, di solito nelle università più importanti del paese. Un compito importante, quello di smuovere gli animi di una platea di giovani laureati, ma che in tanti hanno svolto tra cui J.F Kennedy nel 1962 che disse agli studenti di Yale che la pace era possibile: “La nostra attitudine è pensare che non si possa realizzare o che sia irreale. Questo è pericoloso, è una convinzione disfattista. Ci porta a pensare che la guerra è inevitabile e che siamo bloccati da forze incontrollabili. Ma anche JK Rowling nel 2008 che parlò dell’ importanza del fallimento:”Allora perché parlare dei benefici del fallimento? Semplicemente perché fallire ha voluto dire spogliarsi dell’inessenziale. Ho smesso di fingere di essere qualcos’altro se non me stessa e ho iniziato a indirizzare tutte le mie energie verso la conclusione dell’unico lavoro che per me aveva importanza”.
Uno dei discorsi che ha ispirato milioni di persone e non solo i giovani laureati è quello di Steve Jobs del 2005 alla Stanford University in cui ha pronunciato la famosa frase: Stay hungry, stay foolish! “Siate affamati! Siate folli!”
Penso che il suo intervento sia diretto, personale e senza tempo e che possa arrivare a tutti anche a coloro che non stimano il lavoro di Jobs. “Today, I want to tell you three stories from my life. That’s it. No big deal


Racconta tre storie della sua vita, la prima parla di “unire i puntini della propria vita”
Alcune volte le cose non vanno come previsto, ma davanti alle decisioni prese si può presentare qualcosa di inatteso. L’abbandono del college, il primo Mac costruito nel garage dei genitori e infine un’azienda da 2 miliardi di dollari
“you can’t connect the dots looking forward; you can only connect them looking backwards. So you have to trust that the dots will somehow connect in your future. You have to trust in something — your gut, destiny, life, karma, whatever — because believing that the dots will connect down the road will give you the confidence to follow your heart, even when it leads you off the well-worn path, and that will make all the difference.”
“non potete sperare di unire i puntini guardando avanti, potete farlo solo guardandovi alle spalle: dovete quindi avere fiducia che, nel futuro, i puntini che ora vi paiono senza senso possano in qualche modo unirsi nel futuro. Dovete credere in qualcosa: il vostro ombelico, il vostro karma, la vostra vita, il vostro destino, chiamatelo come volete… questo approccio non mi ha mai lasciato a terra, e ha fatto la differenza nella mia vita”.


La seconda parla di amore e perdita: l’ incontro con la moglie, la famiglia, il licenziamento dalla società da lui fondata.                                                                                                                                      
“I’m pretty sure none of this would have happened if I hadn’t been fired from Apple. It was awful tasting medicine, but I guess the patient needed it. Sometime life — Sometimes life’s going to hit you in the head with a brick. Don’t lose faith. I’m convinced that the only thing that kept me going was that I loved what I did. You’ve got to find what you love.”                                                                                                                                                        “Sono abbastanza sicuro che niente di tutto questo mi sarebbe accaduto se non fossi stato licenziato dalla Apple. Fu una medicina con un saporaccio, ma presumo che ‘il paziente’ne avesse bisogno. Ogni tanto la vita vi colpisce sulla testa con un mattone. Non perdete la fiducia, però. Sono convinto che l’unica cosa che mi ha aiutato ad andare avanti sia stato l’amore per ciò che facevo. Dovete trovare le vostre passioni, e questo è vero tanto per il/la vostro/a findanzato/a che per il vostro lavoro”.

Infine la terza storia riguarda la morte, la malattia e la guarigione
“Your time is limited, so don’t waste it living someone else’s life. Don’t be trapped by dogma — which is living with the results of other people’s thinking. Don’t let the noise of others’ opinions drown out your own inner voice. And most important, have the courage to follow your heart and intuition. They somehow already know what you truly want to become. Everything else is secondary.”
“Il vostro tempo è limitato, perciò non sprecatelo vivendo la vita di qualcun’altro. Non rimanete intrappolati nei dogmi, che vi porteranno a vivere secondo il pensiero di altre persone. Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui zittisca la vostra voce interiore. E, ancora più importante, abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore e la vostra intuizione: loro vi guideranno in qualche modo nel conoscere cosa veramente vorrete diventare. Tutto il resto è secondario”.

Conclude il suo discorso con la famosa frase Stay hungry stay foolish! Tratto dal catalogo the Whole Earth Catalogue famoso negli anni 70
“And now, as you graduate to begin anew, I wish that for you: Stay Hungry. Stay Foolish”.
“Ora, nel giorno della vostra laurea, pronti nel cominciare una nuova avventura, auguro questo a voi”.

Siate affamati. Siate folli.

..E in vacanza come vi comportate???

Sta arrivando il caldo, gli sforzi di un inverno passato ad allenarsi in palestra cominciano a dare i frutti, ma come fare a non vanificarli? Ecco alcuni pratici consigli da seguire

FitnleanwithS

26c91ee4-896b-4d2f-b9cb-d702d80f330c

Ciao cari lettori!!! 🙂
E’ finalmente arrivato il tempo delle vacanze! La mente è già in spiaggia e il caldo inizia ad arrivare (si spera).
Si sa che quando si va fuori, i buoni principi alimentari che si osservano tutto l’anno, tendono a venir meno, perché si mangia in modo più sregolato, si va più spesso a cena fuori e al bar nel dopo cena. Non è però tutto negativo, perché anche al mare o comunque in vacanza, si possono continuare ad osservare i sani principi del resto dell’anno, pur concedendosi di tanto in tanto una generosa coccola.

The word Summer written on a sandy beach, with scuba mask, beach towel, starfish and flip flops (studio shot - warm color and directional light are intentional).

La maggior parte di voi si sposterà verso località di mare, scegliendo di soggiornare in hotel o in case private.
Come comportarsi per non compromettere linea e salute?

Per il pranzo, è bene preferire piatti freschi e soprattutto molto colorati – soprattutto di verde e arancio che forniscono vitamina C, Beta…

View original post 224 altre parole

Le 10 librerie più belle del mondo

Da Maastricht a Baires, da Parigi alla California, la BBC “nomina” le 10 librerie più belle del mondo e tra queste ce ne sono due italiane: la libreria del complesso di Corso Como, a Milano, e la Libreria Acqua Alta di Venezia. Luoghi interessanti, costruiti in epoche diverse e soprattutto con stili architettonici diversi dal classico o barocco al super moderno e minimale. Chi ha in programma di visitare una di queste città non potrà farsi scappare l’occasione di dare un’occhiata tra gli affollati scaffali di queste librerie.

Libreria Acqua Alta, Venezia. “unica libreria sott’acqua”. O quasi.

2014-libreria Acqua Alta6

El Péndulo, Città del Messico. Musica live, un caffè interno e una fitta “vegetazione” interna per evocare frescura nelle torride estati messicane. E per il suo 20mo anniversario, l’anno scorso, 1000 libri offerti gratis ma con una dicitura particolare: “questo è un libro gratuito, per favore restituitelo in un altro spazio pubblico” pendulo2

Livraria Lello, Oporto, Portogallo. Questa storica libreria, aperta all’inizio dell’Ottocento, in stile Art Nouveau, tutto curve e stucchi .

oporto

El Ateneo, Buenos Aires. Una vera e propria icona, questa libreria, creata in un edificio nato nel 1919 come Teatro Grand Splendid, poi riconvertito, 10 anni dopo, a cinema e infine trasformato in una particolarissima area dedicata alla coltivazione delle attività intellettuali. Dove gli ospiti possono assaporare il gusto della lettura in uno dei palchetti del teatro, sotto a un immenso soffitto affrescato.

ateno

Shakespeare & Company, Parigi. Aperta sulla Rive Gauche nel 1951, da un americano, George Whitman, e gestita dalla figlia Sylvia fino alla sua scomparsa, 3 anni fa, è stato meta abituale di scrittori della beat generation, come Allen Ginsberg e William S. Burroughs. Da sempre la libreria, che è anche biblioteca, con possibilità di noleggiare opere, fornisce un servizio extra: agli scrittori in transito viene offerto il pernotto gratuito: al piano superiore dell’edificio ci sono infatti 13 letti che Whitman aveva voluto “mettere a disposizione” degli autori in transito nella Ville Lumière.

paris_shakespeareandco_02

10 Corso Como, Milano. La libreria all’interno del complesso creato da Carla Sozzani, con il suo repertorio di pubblicazioni d’arte, design, cultura e moda.

10-corso-como-milan1

Polare. Maastricht, Olanda. Creata dallo Studio Merkx+Girod (ora Merk X) in una chiesa domenicana del Duecento, Polare è in tutti sensi una libreria che eleva la lettura al livello di … esperienza religiosa.. Almeno per ora: la proprietà ha infatti dichiarato bancarotta a febbraio e lo store è aperto solo grazie a una campagna di crowdfunding lanciata dal personale.

polare maastricht

Honesty Bookshop, Hay on Wye, Galles. La piccola città al confine con l’Inghilterra ospita da 25 anni un festival della letteratura descritto da Bill Clinton come una “Woodstock dello spirito”.Suggestiva questa bancarella sotto al castello normanno.

galles

Bart’s Books, California. Si definisce “il più grande negozio di libri all’aperto del mondo”. Nato nel 1964 dal semplice desiderio di liberarsi di pubblicazioni che non leggeva più del suo autore, Richard Bartinsdale, ha una peculiarità: una buona parte delle vendite avvengono ancora secondo le regole del codice d’onore e i passanti possono acquistare libri lasciando il denaro dovuto in una lattina da caffè. Si trova a Ojai, 50 chilometri a est di Santa Barbara.

BARTS

Librairie Avant-Garde, Nanijing (Nanchino). Definita “il più bel negozio di libri della Cina”, ha ereditato lo spazio di un parcheggio, già impiegato come rifugio antiatomico. Occupa 4mila metri quadri e ospita una replica di un Rodin.

nanchinoPurtroppo le librerie sono sempre più a rischio. E’ diventata molto comune l’abitudine di acquistare libri online: si digita il titolo del libro, si mette il libro nel “carrello” e in qualche giorno viene consegnato direttamente a casa. Senza dubbio si risparmia molto tempo, ma non si può paragonare al piacere di entrare in una libreria, magari senza un’ idea precisa, girovagare tra gli scaffali, passare da un settore a un altro e prendere alla fine il libro con la copertina più intrigante. Le librerie devono temere anche un’ altra minaccia: il Kindle o i tablet e tutti quelli strumenti che sono lettori di e-Book ovvero libri digitali, una nuova invenzione sicuramente ecologica e pratica. Questi lettori possono contenere migliaia di libri e grazie alle loro piccole dimensioni si possono portare ovunque. La domanda è, prenderanno definitivamente il posto dei libri stampati? Sicuramente hanno tanti aspetti positivi, ma per quanto mi riguarda non riesco ad abbandonare l’idea leggere un libro sfogliando le sue pagine ruvide .

                                                                                                                                             Photos taken by Google

“Amy”, il documentario che svela la vera Winehouse

Amy Winehouse verrà presto celebrata al cinema con un film-documentario sulla la vita della cantante soul scomparsa il 23 luglio 2011 a soli 27 anni, probabilmente stroncata dall’abuso di alcol. La Winehouse, voce inconfondibile, interpretazione struggente e una fragilità fisica unita a una fatale autodistruzione entra a far parte del tragico “Club dei 27”, come lei a 27 anni sono morti altri grandi della musica Jimi Hendrix, Janis Joplin, Jim Morrison e altri ancora . La sua morte, come quella di altri “membri del club”, fa rabbia e impressione, perché tragicamente profetizzata, vista la furia autodistruttiva manifestata dall’ artista per parecchi anni, eppure nessuno è riuscito a evitarla. Il documentario uscirà nei cinema del Regno Unito il prossimo 3 luglio e arriverà nelle sale italiane in esclusiva per soli tre giorni, il 15, il 16 e il 17 Settembre prossimi.

Il film è diretto da Asif Kapadia, il regista britannico già autore del documentario Senna (2010) sulla vita del famoso pilota di Formula 1 Ayrton Senna, e restituisce aspetti inediti della vita della cantante raccontati attraverso le sue stesse parole e la sua musica. Winehouse è morta dopo aver pubblicato solamente due dischi, Frank nel 2003 e Back to Black, nel 2006 tuttora considerato uno dei dischi migliori degli anni Duemila . Amy sarà presentato al Festival di Cannes e in quell’occasione apriranno, con largo anticipo, le prevendite italiane . Ma la famiglia della Winehouse si schiera contro considerando il film pieno di bugie e fuorviante e tra i più contrariati c’è il padre della cantante, Mitch Winehouse : «la prima volta che l’ho visto sono stato male. Amy stessa sarebbe andata su tutte le furie: non lo avrebbe mai voluto.» . Il padre infatti ha chiesto una revisione del montaggio riuscendo ad ottenere la cancellazione di una sequenza che descriveva un Natale passato in solitudine da Amy.

Tuttavia Kapadia descrive il suo progetto come «un’opera sull’amore», che si addentri nel sentire della giovane, ma ponendosi proprio quell’interrogativo: «Come può una persona morire così? Non è stato un episodio improvviso: in qualche modo sapevamo che sarebbe potuto succedere perché Amy stava percorrendo quella strada» Inoltre l’uomo ha rivelato di avere ottenuto la cancellazione di una sequenza che descriveva un Natale passato in solitudine da Amy.

amy-winehouse

by Google

Il documentario dovrebbe scavare nella malinconia e nella solitudine di Amy, autrice di capolavori come Back to Black e Love is a losing game ricostruendo la figura controversa e emblematica della cantante. “Non penso che diventerò famosa, credo che non saprei gestirlo”. E’ una delle frasi pronunciate da Amy Winehouse e racchiuse nel documentario . «Cercherò di rappresentare i suoi lati oscuri e la costante dicotomia tra lo sfavillare delle luci della ribalta, l’immagine pubblica e un privato fragile e dalle molte ombre». Questo è l’intento di Kapadia. A noi non resta altro che attendere l’uscita nel film e nel frattempo cercare di capire come sarà il film dal teaser.

“Due strade divergevano in un bosco…”

Words and inspirations

         La strada non presa  (1916)

Due strade divergevano in un bosco d’autunno
e dispiaciuto di non poterle percorrerle entrambe,
essendo un solo viaggiatore, a lungo indugiai
fissandone una, più lontano che potevo
fin dove si perdeva tra i cespugli.

Poi presi l’altra, che era buona ugualmente
e aveva forse l’aspetto migliore
perché era erbosa e meno calpestata
sebbene il passaggio le avesse rese quasi uguali.

Ed entrambe quella mattina erano ricoperte di foglie
che nessun passo aveva annerito
oh, mi riservai la prima per un altro giorno
anche se, sapendo che una strada conduce verso un’altra,
dubitavo che sarei mai tornato indietro.

Lo racconterò con un sospiro
da qualche parte tra molti anni:
due strade divergevano in un bosco ed io –
io presi la meno battuta,
e questo ha fatto tutta la differenza.

        The Road Not Taken (1916)

Two roads…

View original post 144 altre parole

Parole intraducibili, la designer neozelandese Anjana Iyer prova a “spiegarle” disegnandole

words

Leggendo e traducendo un testo in un’ altra lingua, si incontrano non solo parole di cui non si conosce il significato, ma anche parole che non hanno una traduzione precisa nella nostra lingua e richiedono una ricerca minuziosa per comprenderne a pieno il significato e riuscire a renderne il senso nella maniera più efficace possibile. Questo spesso è dovuto alle grandi differenze culturali che inevitabilmente si riflettono anche sulla lingua. Differenze alcune volte talmente profonde da portare alla creazione di parole per determinate azioni, abitudini, usanze ben precise che non hanno un corrispettivo in altre lingue. Ad esempio qualcosa talmente importante per gli spagnoli da meritare un termine specifico potrebbe non essere stata minimamente presa in considerazione dagli inglesi. Ci si trova di fronte a quelle parole “intraducibili” che possono essere “spiegate” ad esempio attraverso perifrasi. Le parole intraducibili hanno catturato l’attenzione di una designer neozelandese, Anjana Iyer che ha ideato una raccolta di immagini “Found in Translation” in cui cerca di rappresentare il significato di alcune parole che sembrano intraducibili in un’altra lingua. Le parole sono tratte dal libro “Il senso del Tingo. Le parole più pazze, curiose e divertenti del mondo”di Adam Jacot De Boinod che raccoglie una serie di parole impossibili, definizioni intraducibili, poetiche o irrilevanti, che l’autore ha ricavato da più di 150 lingue del mondo; dai 27 modi di chiamare i baffi in albanese alla parola indonesiana che definisce “l’incontrollabile abitudine di dire cose imbarazzanti”.
L’obiettivo della Iyer è quello di creare un’ illustrazione al giorno per 100 giorni. Quota 100 è ancora lontana dato che il progetto è iniziato da poco ed è arrivato quasi a metà percorso. Qui ho raccolto alcune delle immagini più insolite e quelle di cui avrei voluto esistesse una parola in italiano!!!
Tsundoku (giapponese): l’abitudine di comprare libri e ammucchiarli in pile senza mai leggerli 605x842xfound-in-translation-untranslatable-words-illustrations-anjana-iyer-81.jpg.pagespeed.ic.F7ZVAMGCn9

Backpfeifengesicht (tedesco): una faccia che deve proprio essere presa a pugni

tedesco Age-otori (giapponese): stare peggio dopo essersi tagliati i capelli

capelliEbbene si c’ è anche una parola italiana che non ha eguali:

gattara